ANDREA MAESTRONI

ndrea Maestroni è nato il 5 dicembre 1976. Da dilettante ha vinto il Campionato Nazionale Foursome (con Marco Bernardini) nel 1997 e il Campionato Dilettanti Match Play nel 1999, anno in cui è passato al professionismo.

Nel 2000 giunge 14° nel Campionato Omnium, 25° nel Campionato PGAI, 38° nell’Open dei Tessali e 47° nel SanPaolo Vita Open. Nel 2001 si classifica 33° nel SanPaolo Vita Open (Challenge Tour). Partecipa all’Alps Tour con 3° posto nel Donau Open, 12° nel Bipop Carire Open e 15° nel Selesta Open. Nel 2002 disputa alcune gare nel Challenge Tour terminando 34° nell’Open des Volcans; e 42° nell’Open dei Tessali. Nell’Alps Tour è 6° nel Quattroruote Open.

E’ nel Challenge Tour anche nel 2003 con migliori risultati nel Tessali/Metaponto Open (15°) e nel Terme Euganee Open (27°). Nell’Alps Tour è 2° nel Packaging Open.

Nel 2004 si dedica all’Alps Tour: vince l’International de Marcilly, è 2° nel Masters 13 e nell’Open Cote d’Armor Bretagne, 5° nel Trophee Maroc, 11° nel Memorial Barras, 12° nell’Open Gestnord e nel Gosser Open, 14° nell’Open de Gourvenec, nell’Intercontinental Open e nel Challenge PGA Maroc e si impone nell’ordine di merito. A fine anno difende i colori azzurri nella World Cup con Alessandro Tadini (Italia 17ª). Termina 24° nella Qualifiying School e ottiene la ‘carta’ per l’European Tour.

Nel 2005 si alterna tra European Tour (41° Open de Andalucia, 48°European Masters) e Challenge Tour (23° Moroccan Classic). Sull’Alps Tour è 5° nel Memorial Barras e 14° nell’Open Le Pavoniere. Fouri tour è 2° nel Campionato Omnium.

Nel 2006 è nuovamente nel Challenge Tour: supera nove tagli con 7° posto nel Moroccan Classic e 11° nel Credit Suisse Challenge. E’ secondo nel Memorial Barras (Alps Tour) e nel Campionato Omnium.

Nel 2007 è 4° nel Campionato Omnium e nel Challenge Tour supera quattro tagli (41° Telenet Trophy). Negli anni successivi disputa poche gare. Nel 2008 è 8° nel Memorial Barras (Alps Tour), nel 2009 vince il Campionato di Doppio PGAI insieme a Nicola Maestroni, e nel 2010 è 7° nel Campionato Open.

Nel 2011 torna a giocare con una certa continuità nel Challenge Tour e si classifica sesto nel Mugello Tuscany Open e nella Russian Challenge Cup e settimo nel Telenet Trophy e termina 82° nella money list. A ottobre vince il Campionato PGAI, poi è decimo nel Campionato Open.

Inizia il 2012 con il 47° posto nel Sicilian Open (European Tour) poi disputa otto gare nel Challenge Tour classificandosi 13° nel Challenge de España e 16° nel Challenge Provincia di Varese. A fine anno due noni posti: nel Campionato PGAI e nel Campionato Open.

Nel 2013 spazia nel Challenge Tour, nell’Alps Tour e nell’ECCO Tour. Sul secondo circuito continentale va tre volte a premio, in cinque gare, con il 35° posto nel Challenge de España, il 39° nel Mugello Tuscany Open e il 57° nello Swiss Challenge. Parte molto bene nell’Alps Tour con il terzo posto nel Red Sea Ain Bay Open e il quarto nel Red Sea Little Venice Open a cui aggiunge l’ottavo nel Cervino Open, il 13° nell’Asiago Open, il 22° nel Gosser Open e il il 31° nell’Open de Las Castillas. Buone prestazioni anche nell’Ecco Tour con la quinta piazza nel Mediter Real Estate Masters e la 14ª nell’Ecco Spanish Open. Fuori dai circuiti continentali è quarto nel Campionato Open. Il 36° posto nella money list gli concede la ‘carta’ per l’Alps Tour 2014. Termina terzo nell’ordine di merito dell’Italian Pro Tour. Alla Qualifying School dell’European Tour supera lo Stage 1 (sesto al CG Bogogno) e lo Stage 2 (11° al GC Valle Romano in Spagna), ma nella finale esce al taglio dopo quattro giri.

Nel 2014 si divide tra Challenge Tour e Alps Tour. Comincia la stagione in questo secondo circuito dove è 16° nel Gosser Open, 29° nel Peugeot Open e 38° nel Red Sea El Ein Bay Open. Nel Challenge Tour è 44° nell’Aegean Airlines Challenge, 51° nel M2M Russian Open e 57° nel Challenge de España. Fuori tour vince per la seconda volta il Campionato PGAI, termina secondo nel Campionato Maestri PGAI e quarto nel Campionato Nazionale Open. Esce nello Stage 1 della Qualifying School dell’European Tour e riprende la “carta” per l’Alps Tour, che aveva perso, con il 15° posto alla finale della Qualifying School.

 

- See more at: http://gardagolf.yourdevel.com/academy/andrea-maestroni/detail#sthash.K2QIpncL.dpuf

ndrea Maestroni è nato il 5 dicembre 1976. Da dilettante ha vinto il Campionato Nazionale Foursome (con Marco Bernardini) nel 1997 e il Campionato Dilettanti Match Play nel 1999, anno in cui è passato al professionismo.

Nel 2000 giunge 14° nel Campionato Omnium, 25° nel Campionato PGAI, 38° nell’Open dei Tessali e 47° nel SanPaolo Vita Open. Nel 2001 si classifica 33° nel SanPaolo Vita Open (Challenge Tour). Partecipa all’Alps Tour con 3° posto nel Donau Open, 12° nel Bipop Carire Open e 15° nel Selesta Open. Nel 2002 disputa alcune gare nel Challenge Tour terminando 34° nell’Open des Volcans; e 42° nell’Open dei Tessali. Nell’Alps Tour è 6° nel Quattroruote Open.

E’ nel Challenge Tour anche nel 2003 con migliori risultati nel Tessali/Metaponto Open (15°) e nel Terme Euganee Open (27°). Nell’Alps Tour è 2° nel Packaging Open.

Nel 2004 si dedica all’Alps Tour: vince l’International de Marcilly, è 2° nel Masters 13 e nell’Open Cote d’Armor Bretagne, 5° nel Trophee Maroc, 11° nel Memorial Barras, 12° nell’Open Gestnord e nel Gosser Open, 14° nell’Open de Gourvenec, nell’Intercontinental Open e nel Challenge PGA Maroc e si impone nell’ordine di merito. A fine anno difende i colori azzurri nella World Cup con Alessandro Tadini (Italia 17ª). Termina 24° nella Qualifiying School e ottiene la ‘carta’ per l’European Tour.

Nel 2005 si alterna tra European Tour (41° Open de Andalucia, 48°European Masters) e Challenge Tour (23° Moroccan Classic). Sull’Alps Tour è 5° nel Memorial Barras e 14° nell’Open Le Pavoniere. Fouri tour è 2° nel Campionato Omnium.

Nel 2006 è nuovamente nel Challenge Tour: supera nove tagli con 7° posto nel Moroccan Classic e 11° nel Credit Suisse Challenge. E’ secondo nel Memorial Barras (Alps Tour) e nel Campionato Omnium.

Nel 2007 è 4° nel Campionato Omnium e nel Challenge Tour supera quattro tagli (41° Telenet Trophy). Negli anni successivi disputa poche gare. Nel 2008 è 8° nel Memorial Barras (Alps Tour), nel 2009 vince il Campionato di Doppio PGAI insieme a Nicola Maestroni, e nel 2010 è 7° nel Campionato Open.

Nel 2011 torna a giocare con una certa continuità nel Challenge Tour e si classifica sesto nel Mugello Tuscany Open e nella Russian Challenge Cup e settimo nel Telenet Trophy e termina 82° nella money list. A ottobre vince il Campionato PGAI, poi è decimo nel Campionato Open.

Inizia il 2012 con il 47° posto nel Sicilian Open (European Tour) poi disputa otto gare nel Challenge Tour classificandosi 13° nel Challenge de España e 16° nel Challenge Provincia di Varese. A fine anno due noni posti: nel Campionato PGAI e nel Campionato Open.

Nel 2013 spazia nel Challenge Tour, nell’Alps Tour e nell’ECCO Tour. Sul secondo circuito continentale va tre volte a premio, in cinque gare, con il 35° posto nel Challenge de España, il 39° nel Mugello Tuscany Open e il 57° nello Swiss Challenge. Parte molto bene nell’Alps Tour con il terzo posto nel Red Sea Ain Bay Open e il quarto nel Red Sea Little Venice Open a cui aggiunge l’ottavo nel Cervino Open, il 13° nell’Asiago Open, il 22° nel Gosser Open e il il 31° nell’Open de Las Castillas. Buone prestazioni anche nell’Ecco Tour con la quinta piazza nel Mediter Real Estate Masters e la 14ª nell’Ecco Spanish Open. Fuori dai circuiti continentali è quarto nel Campionato Open. Il 36° posto nella money list gli concede la ‘carta’ per l’Alps Tour 2014. Termina terzo nell’ordine di merito dell’Italian Pro Tour. Alla Qualifying School dell’European Tour supera lo Stage 1 (sesto al CG Bogogno) e lo Stage 2 (11° al GC Valle Romano in Spagna), ma nella finale esce al taglio dopo quattro giri.

Nel 2014 si divide tra Challenge Tour e Alps Tour. Comincia la stagione in questo secondo circuito dove è 16° nel Gosser Open, 29° nel Peugeot Open e 38° nel Red Sea El Ein Bay Open. Nel Challenge Tour è 44° nell’Aegean Airlines Challenge, 51° nel M2M Russian Open e 57° nel Challenge de España. Fuori tour vince per la seconda volta il Campionato PGAI, termina secondo nel Campionato Maestri PGAI e quarto nel Campionato Nazionale Open. Esce nello Stage 1 della Qualifying School dell’European Tour e riprende la “carta” per l’Alps Tour, che aveva perso, con il 15° posto alla finale della Qualifying School.

 

- See more at: http://gardagolf.yourdevel.com/academy/andrea-maestroni/detail#sthash.K2QIpncL.dpuf

 

Andrea Maestroni è nato a Bergamo il 5 dicembre 1976. Inizia a praticare il golf  alla tenera età di 10 anni, seguito dal padre Franco Maestroni, maestro titolare a Gardagolf e a tutt'oggi riconosciuto come uno dei migliori maestri sul territorio nazionale. Consegue la maturità scientifica e parla correttamente inglese e francese.

Prima di cimentarsi nei tornei internazionali dal 1999 al 2003 frequenta con successo la Scuola Nazionale di Golf acquisendo il titolo di Maestro. Considerato uno fra i più forti atleti italiani in questo sport, fa parte della Squadra Nazionale Professionisti e il suo nome è affiancato da prestigiosi brand come: Conte of Florence, Jhonny-Lambs, Lacoste, Goldenpoint, Briko, Bridgestone, Mizuno, Titleist, Foot-Joy, Ruffino, Roda e Rbm.

Da dilettante, con la Squadra Nazionale, ha vinto il Trofeo Internazionale Juniores Leopoldo Varasi aggiudicandosi così la Nations Thropy (con Edoardo Molinari) nel 1996 e il Campionato Nazionale Foursome (con Marco Bernardini) nel 1997 e il Campionato Dilettanti Match Play nel 1998, anno in cui è passato al professionismo. Tra anno 1999 e il  2000 inizia a affrontare i primi tornei internazionali partecipando ad 8 tornei del Challenge Tour, giungendo 14° nel Campionato Omnium, 25° nel Campionato PGAI, 38° nell’Open dei Tessali e 47° nel SanPaolo Vita Open.

Nel 2001 si classifica 33° nel SanPaolo Vita Open (Challenge Tour). Partecipa all’Alps Tour con 3° posto nel Donau Open, 12° nel Bipop Carire Open e 15° nel Selesta Open. Accede brillantemente alla Final Qualifying School dell'European Tour.

Nel 2002 disputa alcune gare nel Challenge Tour terminando 34° nell’Open des Volcans; e 42° nell’Open dei Tessali. Nell’Alps Tour è 6° nel Quattroruote Open.

E’ nel Challenge Tour anche nel 2003 con migliori risultati nel Tessali/Metaponto Open (15°) e nel Terme Euganee Open (27°) e 60th Telecom Open d'Italia (66°). Nell’Alps Tour è 2° nel Packaging Open. Arrivando 13° nel ordine di merito italiano.

Nel 2004 si dedica completamente all’Alps Tour: vince l’International de Marcilly, è 2° nel Masters 13 e nell’Open Cote d’Armor Bretagne, 5° nel Trophee Maroc, 11° nel Memorial Barras, 12° nell’Open Gestnord e nel Gosser Open, 14° nell’Open de Gourvenec, nell’Intercontinental Open e nel Challenge PGA Maroc e si impone nell’ordine di merito del Tour. A fine anno difende i colori azzurri nella World Cup con Alessandro Tadini (Italia 17ª). Termina 24° nella Qualifiying School e ottiene la ‘carta’ per l’European Tour. Occupa il 4° posto nell'ordine di merito italiano.

Nel 2005 si alterna tra European Tour (41° Open de Andalucia, 48°European Masters) e Challenge Tour (23° Moroccan Classic). Sull’Alps Tour è 5° nel Memorial Barras e 14° nell’Open Le Pavoniere. Fouri tour è 2° nel Campionato Omnium.

Nel 2006 è nuovamente nel Challenge Tour: partecipa a 18 tornei, superando nove tagli con il 7° posto nel Moroccan Classic e 11° nel Credit Suisse Challenge. E’ secondo nel Memorial Barras (Alps Tour) e nel Campionato Omnium. Vince il Campionato Lombardo professionisti.

Nel 2007 è 4° nel Campionato Omnium e nel Challenge Tour supera quattro tagli (41° Telenet Trophy). Vince per la seconda volta il Campionato Lombardo professionisti. Prova a qualificarsi per l'Asian Tour ma al 2° Stage non riesce a conquistare una delle 46 carte disponibili.

Negli anni successivi disputa poche gare per problemi personali. Nel 2008 è 8° nel Memorial Barras (Alps Tour), nel 2009 vince il Campionato di Doppio PGAI insieme a cugino Nicola Maestroni, Si trasferisce per tre mesi negli USA lavorando a stretto contatto con Mike Bender (uno dei 10 migliori istruttori americani e coach di Zach Johnson). Tornato con un ottimo risultato finale riesce a conquistare la carta per la stagione 2010 del Challenge Tour e Europen Tour.

Nel 2010 partecipa a vari tornei del circuito maggiore tra cui BMW Italian Open (64°), Saint-Omer Open (75°), Australian Golf Open (26°) e altri nove tornei del Chellenge e l'ottimo risultato al  Campionato Nazionale Open (7°) .

Nel 2011 partecipa a tre tornei del Tour maggiore e poi torna a giocare con una certa continuità nel Challenge Tour e si classifica sesto nel Mugello Tuscany Open e nella Russian Challenge Cup e settimo nel Telenet Trophy e termina 82° nella money list. A ottobre vince il Campionato PGAI, poi è decimo nel Campionato Open.

Inizia il 2012 con il 47° posto nel Sicilian Open (European Tour) dove viene anche premiato come migliore italiano in gara, poi disputa otto gare nel Challenge Tour classificandosi 13° nel Challenge de España e 16° nel Challenge Provincia di Varese. A fine anno un terzo posto al Memorial O. Barras e due noni posti nel Campionato PGAI e nel Campionato Open.

Nel 2013 spazia nel Challenge Tour, nell’Alps Tour e nell’ECCO Tour. Sul secondo circuito continentale va tre volte a premio, in cinque gare, con il 35° posto nel Challenge de España, il 39° nel Mugello Tuscany Open e il 57° nello Swiss Challenge. Parte molto bene nell’Alps Tour con il terzo posto nel Red Sea Ain Bay Open e il quarto nel Red Sea Little Venice Open a cui aggiunge l’ottavo nel Cervino Open, il 13° nell’Asiago Open, il 22° nel Gosser Open e il il 31° nell’Open de Las Castillas. Buone prestazioni anche nell’Ecco Tour con la quinta piazza nel Mediter Real Estate Masters e la 14ª nell’Ecco Spanish Open. Cerca di difendere il primato Al Memorial O. Barras ma dopo i play off si deve accontentare del 2° posto. Fuori dai circuiti continentali è quarto nel Campionato Open. Il 36° posto nella money list gli concede la ‘carta’ per l’Alps Tour 2014. Termina terzo nell’ordine di merito dell’Italian Pro Tour. Alla Qualifying School dell’European Tour supera lo Stage 1 (sesto al CG Bogogno) e lo Stage 2 (11° al GC Valle Romano in Spagna), ma nella finale esce al taglio dopo quattro giri.

Nel 2014 partecipa al M2M Russian Open dell'Europen Tour ( 51°) poi si divide tra Challenge Tour e Alps Tour. Comincia la stagione in questo secondo circuito dove è 16° nel Gosser Open, 29° nel Peugeot Open e 38° nel Red Sea El Ein Bay Open. Nel Challenge Tour è 44° nell’Aegean Airlines Challenge, 51° nel M2M Russian Open e 57° nel Challenge de España. Fuori tour vince per la seconda volta il Campionato Italiano PGAI, termina secondo nel Campionato Maestri PGAI e quarto nel Campionato Nazionale Open. Esce nello Stage 1 della Qualifying School dell’European Tour e riprende la “carta” per l’Alps Tour, che aveva perso, con il 15° posto alla finale della Qualifying School.

Nel 2015 partecipa a tempo pieno al Alps Tour con 18 tornei, terminando 7° nell'Ordine di merito, conquistando la carta per il Challenge Tour 2016. Questi i risultati principali, Vince l'Open de Saint-Francois Region Guadaloupe, 4° nelle Frassanelle Open, 8° nell'Alps Tour Mont Garni, 3° nel Servizitalia Open, 9° nell Alps de Andalucia, 7° nel Citadelle Trophy e 9° nell'Open International de Marcilly e altre bei piazzamenti. Vince la prequalifica del 72° Open d'Italia (pur avendo già conquistato il diritto di partecipazione grazie al secondo posto nell'ordine di merito nazionale). Conquista il 3° posto sia nel Campionato Nazionale Open che nel Campionato Italiano PGAI.